Prospettive di un viaggio: Il Caffè

La parola “coffee” entrò nella lingua inglese nel 1582 tramite il “koffie” della lingua olandese[1], preso a sua volta in prestito dal “kahve” della lingua turca ottomana, derivante dal “qahwah” della lingua araba (قهوة)[2].

La parola araba “qahwah” si riferiva originariamente a un tipo di vino, la cui etimologia viene proposta dalla lessicografia come una derivazione del verbo “qahā” (قها, “mancanza di fame”) in riferimento alla reputazione anoressizzante della bevanda]. La parola “qahwah” è talvolta una traccia alternativa del “quwwa” arabo (“potenza, energia”) o di “Kaffa”, il reame medioevale etiopico da dove l’arbusto è stato esportato fino in Arabia. Queste etimologie per “qahwah” sono state in ogni caso tutte variamente contestate.

Il nome “qahwah” non è generalmente utilizzato per la bacca o il prodotto della pianta, che sono noti in arabo come “bunn” e nella lingua oromonica “būn”. Le lingue semitiche avevano la radice “ghh”, “colore scuro”, divenuta una denominazione naturale per la bevanda; secondo questa analisi la forma femminile “qahwah” (che significa anche “colorazione scura, opaco, arido, acerbo”) era probabilmente scelta in parallelo al “khamr” (خمر, “vino”, parola femminile in arabo) e originariamente significava “il buio” (o “nero”)[4].

Dal termine qahwa si passò alla parola turca kahve attraverso un progressivo restringimento di significato, parola riportata in italiano con caffè. Questa derivazione è contestata da quanti sostengono che il termine caffè derivi dal nome della regione in cui questa pianta era maggiormente diffusa allo stato spontaneo, Caffa, nell’Etiopia sud-occidentale.

Author

antoniosacco65@gmail.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *